Articoli recenti

La visualizzazione relatore è uno degli strumenti più interessanti offerti da Power Point (vedi articolo dedicato) e per qualche anno è stata un'esclusiva di casa Microsoft. Oggi la visualizzazione relatore è disponibile anche in Impress (il suo funzionamento però varia ancora troppo da una versione all'altra e da un pc all'altro) e in Presentazioni Google.

E Google, va detto, ha portato la presentazione relatore ad un livello decisamente superiore perché ha aggiunto la possibilità di interagire direttamente con il pubblico.

Il  servizio si avvia dal menu Visualizza - Avvia presentazione.


Nella colonna di sinistra vengono visualizzate: la slide attiva e la successiva, il menu a tendina che permette di passare rapidamente da una diapositiva all'altra, il timer che indica il tempo trascorso dall'avvio della presentazione.
Nella colonna di destra sono disponibili due opzioni:
  • note del relatore che permette di visualizzare le note della slide attiva sullo schermo;
  • strumenti per il pubblico che, se attivato, crea automaticamente un link ad una pagina dove il pubblico può scrivere le proprie domande.


Durante la presentazione non serve rimanere in modalità "strumenti per il pubblico", si può continuare a usare tranquillamente la visualizzazione relatore, perché quando qualcuno invia una domanda questa appare direttamente sullo schermo del relatore.


Tutto lo stream delle domande, inoltre,  viene salvato in Drive e vi si può accedere in qualsiasi momento aprendo il file della presentazione e selezionando "cronologia Q&A" dal menu strumenti.

Google presentazioni è utilizzabile anche da smartphone e tablet scaricando l'apposita app (Android o Apple)  e  con l'aggiunta di un' estensione per Chrome permette anche di aprire e modificare i file in Power Point.

Con Power Point 2016* è possibile creare velocemente anagrammi animati con le transizione "Morphing" anziché con le tradizionali animazioni. Morphing, infatti, sposta automaticamente le lettere della parola da anagrammare nella giusta posizione (vedi video).


Come creare l'animazione con morphing:

  1. Scrivere il testo da anagrammare nella prima slide.
  2. Duplicare la slide (home - nuova diapositiva - duplica diapositiva selezionata) o, in alternativa, copiare la casella di testo e incollarla nella slide seguente. L'importante è che le caselle di testo delle due slide si trovino esattamente nella stessa posizione.
  3. Nella slide duplicata, scrivere il testo anagrammato
  4. Selezionare la scheda transizioni e scegliere "morphing", quindi aprire il menu "Opzioni effetto" e selezionare "caratteri" (vedi immagine)
  5. Avviare l'anteprima della presentazione per visualizzare l'effetto.
Puoi generare automaticamente gli anagrammi con Nomix


*L'animazione morphing è attiva solo nella versione di Power Point 2016 in abbonamento (Office 365)


Power Point 2016 offre una serie di novità interessanti. La più semplice, ma sicuramente più utile alla maggior parte degli utenti è Power Point Designer, un servizio che genera automaticamente una serie di layout per le slide con immagini.
Questa opzione dedicata principalmente a chi non ha competenze grafiche è utile anche ai più esperti, che utilizzandola risparmieranno molto tempo.

Per avviare Designer è sufficiente  inserire un'immagine nella diapositiva. Al primo utilizzo comparirà un messaggio che chiede di confermare l'attivazione del servizio. Confermiamo e si aprirà subito la barra verticale "idee per progetti" dove ci vengono proposte una serie di possibili combinazioni di layout, colore e testo.



Il servizio offre 8 diverse combinazioni di layout e colore. Selezionando una delle opzioni visualizzate si applica automaticamente lo stile scelto alla diapositiva.


Se per errore abbiamo disattivato Designer o rifiutato l'attivazione, possiamo riattivarlo in qualsiasi  momento seguendo il percorso: scheda File - Opzioni - Generale - Abilita Power Point Designer. Attraverso lo stesso percorso possiamo disattivarlo quando non ci interessa utilizzarlo.

Se Designer non si attiva verificare:

  • di essere connessi a internet, il servizio funziona solo online
  • di aver selezionato un layout "titolo" o "titolo e contenuto" per la diapositiva
  • di aver inserito una sola immagine (formato .JPG, .PNG, .GIF)
  • di aver inserito un'immagine di dimensioni superiori a 200x200 pixel
  • che la slide non contenga altri disegni o forme oltre alla foto
  • di aver selezionato un tema "vuoto" o uno dei temi di Power Point (non funziona con temi personalizzati o scaricati dalla rete)

Power Point Designer è attivo solo per i solo per le versioni in abbonamento di Office 365, compresa l'offerta per studenti universitari Office University , mentre non è disponibile per le installazioni di Office da CD.  Nei piani aziendali in abbonamento l'opzione è attiva solo se gli aggiornamenti  dei servizi sono inclusi nel piano sottoscritto.


Impress, il software di presentazioni incluso  in LibreOffice, sta diventando sempre più popolare e non solo perchè è gratuito.

Impress, infatti, è un applicativo di tutto rispetto, semplice da usare e veloce. Manca di alcune funzioni tipiche di Power Point, come la potente suite grafica e la visualizzazione relatore, ma a onor del vero bisogna dire che la maggior parte delle persone non le utilizza comunque.

Vale la pena allora di provare questo software che nel tempo si è evoluto moltissimo, arricchendosi di molte delle funzioni abitualmente fornite dai soli applicativi a pagamento.
Il download si può effettuare dal sito di LibreOffice, ma chi non vuole installare Impress sul proprio pc può anche scaricare la versione portable e installarlo su chiavetta usb.
Le opzioni di installazione su chiavetta sono due:  "stand-alone" oppure all'interno di una piattaforma dedicata. Il programma nella versione portable è  in inglese, ma una volta installato basta modificare la lingua nelle impostazioni per passare alla versione in italiano.

Installazione di Libre Office stand alone

Scarichiamo LibreOffice e salviamolo su una chiavetta USB, quindi clicchiamo sul file eseguibile e seguiamo la semplice procedura di installazione.

Installazione di Libre Office con Piattaforma Portable Apps

Scarichiamo prima la piattaforma Portable  e salviamola direttamente su chiavetta. Quindi avviamo l'installazione del software. Si aprirà una finestra di dialogo che chiede quali software desideriamo installare.


Selezioniamo LibreOffice e tutti i software che ci possono interessare. Sono tutti gratuiti e funzionano tutti da chiavetta quindi possiamo portarli con noi e avviarli da qualsiasi pc.
Al termine dell’installazione avviamo PortableApps e sullo schermo in basso a destra apparirà un menu a tendina dal quale possiamo accedere ai vari software o alle cartelle documenti salvate in chiavetta.


A chi sceglie questa seconda opzione suggerisco di utilizzare una chiavetta USB abbastanza capiente, in modo da avere sempre spazio a disposizione per scaricare nuovi software o salvare i propri documenti.
Io ho scelto una memoria USB super compatta da 128 GB, in modo da usarla come un disco di memoria esterno, ma grazie alle sue microscopiche dimensioni, senza l'ingombro dell'unità esterna.
In commercio vi sono anche versioni più economiche rispettivamente da 64 GB da 32 GB, ma se usate solo LibreOffice anche una qualsiasi pennetta da 16 GB può fare al caso vostro.



Stanchi di passare continuamente da Power Point al browser per cercare un'immagine? Allora è il momento di potenziare Power Point con Pickit,  un'applicazione che ci facilita il compito.

Pickit è una app gratuita, si installa attraverso lo store di Microsoft e si avvia direttamente in Power Point (ma funziona anche in Word). Una volta aperta ci permette di accedere a un ampio archivio di clipart, icone e foto gratuite o, se siamo particolarmente esigenti, di acquistarne di nuove.

Vediamo passo dopo passo come fare.

Come sempre avviamo Power Point e, dalla scheda file, verifichiamo che il nostro account sia connesso al server di Microsoft. Se non si possiede un account Microsoft è necessario attivarne uno.
Una volta connessi, apriamo una presentazione (anche vuota) e cerchiamo l'applicazione nello store digitando "Pickit" nella casella di ricerca. Selezioniamo l'aplicazione e clicciamo su "attendibile" nella finestra che si apre. (La procedura è illustrata nell'immagine 1)


Apriamo ora la presentazione nella quale dobbiamo inserire le immagini e procediamo come indicato nell'immagine 2


L'applicazione si aprirà in un pannello laterale all'interno di Power Point. Possiamo effetuare la ricerca in vari modi:

  1. Per collezione, aprendo una delle cartelle tematiche.
  2. Digitando una parola chiave all'interno della casella di ricerca (unico limite ahimè, la ricerca funziona solo in lingua inglese)
  3. Per categoria, selezionando l'argomento desiderato dal menu a tendina.



Una volta scelta l'immagine, per inserirla nella presentazione non ci resta che selezionarla e trascinarla con il mouse all'interno della slide.