18 novembre 2012

Personalizzare al massimo la Grafica Smart Art

I layout Smart Art sono uno strumento utilissimo per organizzare graficamente le informazioni, per sostituire i punti elenco e dare enfasi a delle parole chiave.

Basta cliccare sull'apposita icona e si apre un menu che ci permette di scegliere la grafica più adatta, ma quando iniziamo ad usarli non ci bastano mai, cerchiamo sempre quell'idea diversa, e le forme disponibili non ci soddisfano più … e allora cambiamole!

Anche la grafica Smart Art può essere personalizzata: si possono modificare spessore, colore di contorni e riempimenti, e soprattutto si possono modificare le forme.









   
Partiamo da un elenco puntato, come quello in figura, e clicchiamo su [converti in Smart Art] nella scheda 
[Home], scegliamo la grafica che preferiamo e iniziamo a modificarla. Possiamo farlo in due modi:
  • scegliendo una delle soluzioni offerte dalla scheda strumenti Smart Art
  • intervenendo manualmente sulle singole parti del layout.
Proviamo ad esercitarci. Iniziamo selezionando la casella “testo 2”, clicchiamo su [formato] nella scheda [strumenti smart art] e applichiamo un colore di riempimento, poi divertiamoci a provare tutte le opzioni del menu [effetti forma]. Applichiamo effetti 3D, ruotiamo, incliniamo, inseriamo ombre e riflessi in modo da esplorare tutti gli effetti disponibili. Cambiamo anche lo spessore del contorno e proviamo tutte le linee tratteggiate e le ombreggiature disponibili nel menu [contorno forma].

Tutto qui? No, proviamo anche a modificare la forma, selezioniamo il riquadro di testo “paragrafo 2b” e, sempre dalla menu [formato] della scheda [strumenti Smart art] clicchiamo su cambia forma. Scegliamo una delle forme incluse nel menu a tendina, ad esempio una stella, coloriamola e diamole volume con un effetto tridimensionale.

Ora clicchiamo il tasto destro del mouse in punto qualsiasi all’interno del layout, e scegliamo [formato oggetto] dal menu a tendina. Selezioniamo [riempimento a motivo] usiamo come colore di primo piano il grigio e di secondo piano il bianco e applichiamo un disegno a quadretti per ottenere l’effetto di un foglio di quaderno.

Quando siamo soddisfatti del risultato, diamo un tocco finale inserendo le animazioni come illustrato nel precedente post.

Ricevi gli aggiornamenti via email

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

TuttoSlide
2014 Cristina Rigutto