Una nuvola di dati in alternativa ai grafici a barre

By | 11:08 Leave a Comment

Fig. 1 - Nuvola di parole
A volte davanti a lunghe tabelle di entrate ci chiediamo se rappresentare i dati con la solita torta, magari aggregandoli per ridurre il numero di fette, o con una lunga fila di colonne.

Se lo scopo non è quello di visualizzare in modo puntuale le quantità per ogni classe di oggetti, ma è quello di rappresentare visivamente un contesto interpretativo, nel modo più semplice e intuitivo possibile, possiamo tranquillamente sostituire le forme grafiche tradizionali con le nuvole di parole, utilizzando uno dei tanti servizi gratuiti di creazione di tag, disponibili in rete.

Creare una tagcloud, o nuvola di parole, è molto semplice. Per prima cosa scegliamo un servizio gratuito on-line, come ad esempio Wordle  

Apriamo il foglio elettronico che contiene i nostri dati e copiamo la colonna con la classe di oggetti che vogliamo rappresentare. Attenzione non dobbiamo copiare i dati già aggregati, ovvero raggruppati per totale, ma dobbiamo selezionare tutte le entrate (figura 2) sarà l'applicazione (Wordle) a calcolare il numero di volte in cui uno stesso dato ricorre e ad aggregarlo.

Figura 2 - tabella dati grezzi



Apriamo ora la pagina create, e incolliamo la nostra lista di entrate nell'apposita finestra , premiamo invio ("go", figura 3) e lasciamo all'applicazione il compito di aggregare i dati e restituirceli sotto forma di nuvola (figura 4)

Figura 3 - Wordle
Figura 4 - Tag Cloud
Una volta ottenuta l'immagine possiamo decidere se utilizzarla così oppure elaborarla ulteriormente. L'immagine infatti si apre in  un editor che ci consente di cambiare font, colori e layout. 

Possiamo decidere se usare maiuscole o minuscole, se visualizzare le parole in ordine alfabetico in diagonale o in parte orizzontale e in parte verticale, cambiare i colori di testo e sfondo, aggiungere o eliminare parole.

Post più recente Post più vecchio Home page