Quali colori in una slide? Scegliamoli con FillSlammer

By | 10:50

Che abbiano funzione di richiamo, di mimetizzazione o di avvertimento, in natura i colori servono a comunicare. Nel mondo vegetale, così come nel mondo animale. La forza comunicativa del colore si estende anche all’uomo, che oltre a percepirlo in modo oggettivo lo carica di significati che variano in base alla cultura, alle esperienze contingenti, alla personalità.

Il colore comunica e proprio per questo motivo nelle presentazioni andrebbe usato con parsimonia. Certo la tentazione di riempire le nostre slide di colori brillanti è grande, soprattutto in quest’epoca di presentazioni zen, ma lo è anche il rischio  di creare confusione visiva ed indebolire il messaggio.

scala
Non a tutti piace la scelta di usare al massimo tre colori, e ancor meno piace usare testo nero su sfondo bianco anche se,  soprattutto quando il testo è molto come nella dispositiva a lato, questa è la soluzione che rende il contenuto con maggior chiarezza ed eleganza grafica.

Ma se i contenuti che presentiamo hanno bisogno di molto colore perché il nostro messaggio sia efficace, allora usiamoli. Certo senza dimenticare che nella scelta della nostra scala cromatica dobbiamo  tener conto del loro significato, dei possibili deficit visivi del pubblico, dell’illuminazione della sala, del risultato su schermo e del contrasto tra i colori di sfondo le immagini e il testo, che deve sempre risultare ben leggibile.


scala colore
Immagine ottenuta con FillSlammer
Troppi limiti? Scegliamo due colori dominanti, individuiamone tutte le gradazioni intermedie, e usiamo quelle per i vari oggetti contenuti nella diapositiva. Otterremo il duplice risultato di colorare la nostra dispositiva e di conservarne la leggibilità.

Per creare uno schema armonico si sceglieranno le due tinte dominanti tra i colori adiacenti, mentre per presentazioni di maggior impatto visivo ci si orienterà verso tinte complementari.

Per individuare lo schema delle gradazioni si può ricorrere ad una ruota del colore, o a un pratico tool per Power Point , FillSlammer.

Fillslammer, un add-in dello stesso ideatore di Opazity, e dell’enciclopedia di risorse gratuite Best Free PPT resources,  può essere usato anche per altre applicazioni più creative, perché consente di riempire le forme non solo con colori ma anche con immagini, graduandole e sovrapponendole per consentire un passaggio fluido da un’immagine all’altra. Per chi è interessato a saperne di più, rimando al sito di FillSlammer.

Post più recente Post più vecchio Home page